Atelier Cabinotiers di Vacheron Costantin

Atelier Cabinotiers di Vacheron Costantin

Due novità hanno tenuto impegnato l’Atelier Cabinotiers di Vacheron Costantin:
Il primo è il Philosophia, capace di far coabitare l’alta orologeria, con una lettura approssimativa dell’ora.
l’idea parte dal presupposto che all’uomo non serve di sapere l’ora esatta al minuto, tanto che un ritardo di qualche minuto, ad un proprietario di Philosophia non importa.

Due Capolavori

Il Philosophia di Vacheron Costantin infatti ha una sola sfera centrale suddivisa nelle 24 ore, privando la lettura dei minuti.
Quest’ultima viene indicata soltanto a richiesta facendo scorrere la slitta della ripetizione minuti, indicando con precisione l’ora giusta in modo acustico.

Un ulteriore raffinatezza si trova sul quadrante ad ore 6, dove si apre un ampia finestra sulla gabbia del tourbillon, che compie un giro in 60 secondi.

Anche le fasi di Luna contribuiscono al fascino di questo segnatempo.
La particolare lavorazione, lascia intravedere i crateri, mentre intorno, la stella Polare brilla insieme alla Luna.

E non finisce qui!
Girato l’orologio, sul retro si può ammirare lo splendido movimento.
Qui trova posto l’indicazione della riserva di carica, che a sostituzione dell’indicazione delle ore residue, si trovano le costellazioni della piccolo e grande Orso intrecciate.

Il movimento finemente decorato, è insignito del Punzone di Ginevra e sull’anello esterno del fondello, fa bella mostra di se la dicitura “piece unique”.ù
Il proprietario di questo esemplare, ha preferito la scritta “No Un/Un” invece della consueta numerazione “1/1”.

Il Vladimir

Il secondo capolavoro uscito dagli Atelier Cabinotiers di Vacheron Costantin, porta il nome di Vladimir.
Basta il colpo d’occhio per rendersi conto dell’impressionante complicazione e della straordinaria quantità d’informazioni che si vanno ad aggiungere alle normali indicazioni di ore e minuti.

Sul quadrante si può scorgere ad ore 6 la gabbia del tourbillon ad un minuto.
Al suo fianco, ad ore 3, le fasi lunari, dove la Luna incisa a mano dagli artisti degli Atelier Cabinotiers, splende in oro.
A sinistra, a ore 9, un contatore più piccolo con sfera azzurrata indica l’impressionante coppia del movimento di suoneria e coassialmente l’indicazione delle settimane dell’anno.
Al 12 due contatori, uno per le 24 ore e l’altro per la riserva di carica del movimento.
Al centro, in posizione leggermente decentrata, le ore ed i minuti.

Per i meno attenti, si noti la lunetta con la presenza di 2 protuberanze, che aiutano nella rotazione di questa, per l’attivazione e la disattivazione della suoneria.

A questo punto abbiamo già preso vista delle straordinarie complicazioni che questo esemplare unico presenta, compresi i materiali e le finiture che il cliente ha richiesto specificatamente, unendo leggibilità e finiture impeccabili.

Il Retro

Girato l’orologio, il fondello non è da meno.
Infatti anche qui, troviamo numerose indicazioni a completare la sorprendente complicazione che offre questo segnatempo.
Nella parte superiore, 3 contatori forniscono l’indicazione del calendario perpetuo, mentre al centro, una piccola sfera, segna l’equazione del tempo.
Altre 2 informazioni astronomiche sono segnate da 2 piccole sfere nella parte inferiore del quadrante, con l’indicazione di alba e tramonto del sole.
L’elenco delle informazioni finisce n un tripudio di gloria con una carta stellare dell’emisfero nord in una realistica rappresentazione.
Ai lati della cassa di 47 mm di diametro, i segni dello zodiaco cinese, appaiono in un incisione a bassorilievo.

www.vacheron-constantin.com