Ultim’ora

Eta e Antitrust

Come molti di voi appassionati saprà già, la Eta e Antitrust sono in guerra.
Swatch ha dichiarato che la produzione e la distribuzione di movimenti, verrà limitata.

Questo avviene per assecondare le richieste dell’Antitrust.

Soggetto in questione è la COMCO, la commissione anti concorrenza, la quale ha sospeso temporaneamente le consegne di movimenti della Eta, di proprietà della Swatch Group, alle principali Case produttrici di orologi ed in particolare concorrenti della stessa Swatch Group.

Così la COMCO ha promesso di riesaminare la questione non prima della prossima estate.

Nel frattempo, il CEO di Swatch Nick Hayek, ha dichiarato che l’azienda non ha mai voluto prendere una posizione dominante sul mercato e si è offerto di limitare la produzione di movimenti a 400 mila pezzi all’anno nei prossimi due anni.

Prossimo Appuntamento

L’ultimo colpo di scena nella battaglia tra Eta e Antitrust, vede il CEO di Eta reagire con rabbia, vedendosi congelare virtualmente le vendite di movimenti.

Questo assicura alla Eta, una produzione che copre un terzo del mercato svizzero (!).

È l’ultimo colpo di scena che vede ormai un braccio di ferro che dura da ben dieci anni.

La Swatch aveva promesso che allo scadere del 2019, avrebbe interrotto la distribuzione di movimenti a terzi.

Ma questa promessa suonava più come una minaccia.

Nel frattempo, in questi ultimi anni, stanno crescendo e approfittando del momento altre Case produttrici di movimenti, come Sellita, Soprod, ecc… ad equilibrare il mercato e scaricando un bel po’ di peso dalle spalle di Eta.

Hayek viene così costretto da COMCO ad abbandonare il mercato nei prossimi due anni, a meno che quest’ultima, allenti la sua posizione nel riesame della prossima estate.

Ricordiamo quali sono le Case di proprietà della Swatch Group e che godono della fornitura di movimenti di Casa:

Blancpain, Breguet, Hamilton, Jaquet Droz, Longines, Omega, Tissot, Rado e altre come Union Glashutte, Flik Flak, e naturalmente Swatch.

Il CEO di Swatch Nick Hayek

Occhiali Tag Heuer Per Oracle

I due Marchi si uniscono per dare vita ad un paio di occhiali Tag Heuer Per Oracle.
Infatti, Tag Heuer e Oracle, hanno annunciato una partnership con l’equipaggio della barca di Coppa America.
Oracle indosserà occhiali Tag Heuer durante la 34° edizione della regata più famosa al mondo, che inizierà nella baia di S. Francisco a settembre 2013.

La partnership è stata annunciata a S. Diego durante il terzo giro dell’America’s Cup Series.
Erano presenti il presidente Tag Heuer Jean-Christophe Babin, il CEO di Oracle Racing insieme all’equipaggio, con Russell Coutts e James Spithill.

La coppia Cutts-Sphitill, nella 33° edizione di Coppa America, hanno riportato dopo 15 anni, la Coppa negli Stati Uniti, battendo Alinghi 2-0.

“Siamo orgogliosi di essere tornati a bordo di Oracle” (ha dichiarato Jean-Christophe Babin). Tag Heuer ha già collaborato con Oracle Racing nella 31° America’s Cup del 2003.

Jean-Christophe Babin ha inoltre dichiarato che Cutts e Sphitill sono due icone della Vela, tanto quanto i mostri sacri dello sport del calibro di Pros per la Formula uno, o Lewis Hamilton, e sono al comando della barca più veloce del mondo, come lo è per la Formula Uno la Mercedes, o l’Audi nel Campionato Mondiale Endurance e 24 ore di Le Mans…

Russell Coutts ha dichiarato inoltre: “Aver affiancato un marchio, con i Top Level degli eventi sportivi e personaggi di fama mondiali, non è solo una grande notizia per Oracle, ma lo è per tutta la Coppa america”.

www.tagheuer.com

Da sinistra: James Spithill, Jean-Christophe Babin, Russell Coutts

Morto Rolf W Schneyder

È Morto Rolf W Schneyder.
Il CEO della Casa d’alta orologeria indipendente Ulysse Nardin, è deceduto improvvisamente a seguito di una breve malattia.

“Con la perdita di Rolf W. Schnyder, l’ industria orologiera ha perso uno dei più grandi visionari, mentre Ulysse Nardin ha perso un importante fonte di innovazione per l’impresa.
Siamo profondamente colpiti e sconvolti di questa improvvisa perdita.
Il nostro pieno appoggio a sua moglie e i suoi tre figli, ai quali vorremmo esprimere il nostro cordoglio”.
Queste le parole di Susanne Hurni, addetto stampa e responsabile delle relazioni Ulysse Nardin.

Un piano di successione è già stato attivato, mentre la gestione operativa  può essere mantenuta senza alterare lo spirito continuativo di Rolf W. Schnyder.

Schnyder aveva acquistato la società nel 1983, momento dal quale ha assunto subito il ruolo di CEO.
Ha condotto l’azienda ad un nuovo splendore ed ai vertici dell’orologeria meccanica, con numerose innovazioni come i primi orologi da polso astronomici.

Anche Segnatempo vuole esprimere il suo cordoglio ricordando con grande stima ed ammirazione Rolf W. Schneyder.

www.ulysse-nardin.com

Glycine Acquisita da Altus Huren AG

Glycine Acquisita da Altus Huren Holding AG.
Il 1° aprile 2011, Altus Uhren Holding AG, di proprietà svizzera al 100%, ha acquisito il marchio Glycine Watch SA, la manifattura orologiera di lunga e gloriosa tradizione.
Stephan Lack succederà nella funzione di Amministratore Delegato a Katherina Brechbühler.
Questa rimarrà comunque a fianco del nuovo amministratore, nel segno della continuità, occupandosi del settore creativo.
Stephan Lack, 48 anni, Presidente del CdA e azionista di maggioranza di Altus Uhren Holding AG, assumerà la direzione di Glycine Watch SA il 1° giugno 2011.
Bernese, economista e specialista di marketing, conosce bene il settore orologiero.
Ha vissuto quasi dieci anni in Asia, dove ha impiantato con successo la rete commerciale di famose marche orologiere svizzere in Cina, Asia sud-orientale e Giappone.
Stephan Lack apporta un notevole bagaglio di esperienza nello sviluppo di prodotti e nella gestione del marchio.

Fondata a Biel nel 1914, Glycine Watch SA è considerato un marchio pioniere nel segmento degli orologi da aviatore e universali.
Ha partecipato ogni anno al Salone dell’Orologeria di Basilea, sin dalla prima edizione del 1938.
Stephan Lack e Katherina Brechbühler erano già presenti insieme ad accogliere i visitatori di Baselworld 2011 in un ideale passaggio del testimone.

Il distributore esclusivo del marchio per l’Italia rimane Acron srl.

www.glycine-watch.ch

Maurice Lacroix Vince il Red Dot Design

Maurice Lacroix Vince il Red Dot Design Award 2011 ancora una volta.
Infatti la Maison, anche quest’anno, è stata premiata in uno dei concorsi più importanti al mondo: il Red Dot Design Awards 2011.
Le star della serata sono Gwenael Nicolas, Arik Levy e Neil Barrett.
Sono i designer che hanno messo mano alla collezione Pontos, vincendo il premio  “Red Hot – best of the best 2011” col modello Décentrique Phases de Lune.
Questo modello in edizione limitata, insieme al modello Masterpiece Régulateur Roue Carrée, sono stati premiato con il “Red Hot – winner 2011”.

La Maison prosegue con successo la sua filosofia, senza inseguire le mode che inflazionano i grandi nomi.
Infatti offre prodotti dalla forte personalità come hanno dimostrato ancora una volta, con design all’avanguardia.
Premio pienamente meritato quindi per Maurice Lacroix, che ha rinunciato allo status symbol, per offrire una passione.
Quindi Maurice Lacroix Vince il premio Red Dot Design con tutti i meriti che questo prestigioso premio richiede.
Complimenti!

www.mauricelacroix.com

 

 

Seiko annuncia donazioni ai terremotati

Seiko annuncia donazioni ai terremotati.
20 milioni di Yen (247 mila Dollari) da parte di Seiko e 100 milioni di Yen (1 milione e 234 mila Dollari) da parte di Seiko Epson.
Queste sono le cifre donate per fornire assistenza alle vittime del terremoto che ha colpito il Giappone l’11 Marzo scorso.
Seiko esprime le sue più sentite condoglianze per le persone colpite nella speranza di un recupero nel più breve tempo possibile.

www.seikowatches.com

Auguri ad Eugene Cernan

Auguri ad Eugene Cernan!
L’astronauta statunitense compie oggi 77 anni.
Cernan è stato l’undicesimo e ultimo uomo a mettere piede sulla Luna durante la missione Apollo 17.
Cernan, naturalmente, è uno dei testimonial di Omega.

Qui in foto è stato ritratto con al polso un Omega Speedmaster From Moon to Mars.

www.omegawatches.com

Eugene Cernan con uno Speedmaster “from Moon to Mars”

Sequestrato orologio da 450 mila Euro

ROMA – È stato sequestrato orologio da 450 mila Euro dai funzionari doganali.
Il ritrovamento è avvenuto nel corso dell’attività di controllo doganale.
I passeggeri sotto controllo erano in arrivo presso l’aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino.
L’orologio è stato trovato nel bagaglio di un viaggiatore proveniente da Zurigo.
Il passeggero è stato fermato per il suo comportamento nervoso.
Ma nel tentativo di non farsi notare, non aveva dichiarato di essere in possesso di un gioiello di cui esistono solo pochi esemplari al mondo.
L’oggetto è stato sequestrato, sventando un’evasione di diritti doganali di circa 80.000 euro.
Non è stato reso noto il modello in oggetto.
Infine il viaggiatore è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Civitavecchia.
www.gazzettino.it

Seal e Richard Mille sorpresi insieme

Seal e Richard Mille sorpresi insieme.
Il famoso cantante, sposato con la modella di Victoria Secret Heidi Klum, è stato ripreso in questa foto con un costosissimo Richard Mille.
E non solo indossa un bellissimo orologio, ma è stato ritratto inoltre con una delle più belle fotocamere di medio formato sul mercato: una Leica S2.

www.richardmille.com

Bulgari Cede La Maggioranza a LVMH

Bulgari Cede La Maggioranza a LVMH.
Il CDA della Bulgari Spa conferma il progetto di conferimento alla LVMH della partecipazione di controllo nel capitale sociale di Bulgari.
In pratica, l’italianissimo marchio di lusso, da oggi diventa francese.
Una scelta che Nicola e Paolo Bulgari spiegano così:
“Abbiamo trovato in Arnault e nel gruppo che ha costruito tutti gli elementi necessari a garantire il futuro a lungo termine dell’Azienda: la capacità di accogliere e raggruppare in una potente organizzazione marchi diversi, che possano così crescere e svilupparsi pur preservando la loro identità e la loro originalità; una cultura del tutto identica alla nostra, caratterizzata dalla ricerca estrema della qualità e dell’eccellenza; una perfetta armonia tra il controllo familiare del capitale, garanzia di una visione strategica a lungo termine, e un’apertura al mercato di borsa che serva da stimolo per la gestione e garantisca allo stesso tempo la liquidità per gli azionisti della famiglia”.
In cambio la famiglia diventerà azionista del gruppo francese per il 3%, mentre LVMH avrà il 50,43% del gruppo Italiano.
La ripercussione sulla borsa è positiva, facendo guadagnare agli italiani il 60% sulle azioni.

www.bulgari.com