ORIS RETRO DIVERS SIXTY-FIVE

Se non siete ancora stanchi di modelli Diver d’annata di nuova produzione, oggi è la volta dell’Oris Retro Divers Sixty-Five.
Si tratta del “nuovo” modello 2015 di casa Oris ispirato ad un orologio (come suggerisce il nome) del 1965.

Composto da un’ottimamente proporzionata e più moderna cassa da 40 mm. con uno spessore di soli 12,8 mm. è contornato da una lunetta in alluminio con trattamento DLC nero.
In origine l’orologio aveva un diametro di 36 mm. ma in Casa Oris hanno ben pensato di ingrandirla, senza stravolgerla seguendo le mode del “Mega”.

Il quadrante è in puro stile retrò, sia nelle grafiche con grandi numeri, che nel colore scelto per il Superluminova con una patina vintage.
A pretezione del quadrante un più moderno vetro zaffiro con doppio trattamento antiriflesso, in luogo dell’originale plexyglass.

La Meccanica

Il Sixty-Five è animato da un movimento base Sellita SW200, sul quale avrei qualcosa da obiettare, visto che anche Oris, come potete leggere nell’articolo precedente a questo (sempre su Oris), ha inaugurato un movimento di manifattura; ma tant’è.

Un’altro miglioramento rispetto al modello originale, è il datario su fondo nero anzichè bianco, che risulta molto meno vistoso ed invadente.

Bello inoltre il cinturino in gomma in stile “tropic” con fibbia marchiata.

Una nota negativa che è doveroso segnalare per questa tipologia di diver, è la scarsa impermeabilità, che si attesta a soli 100 metri, che come qualcuno (ma pochi) di voi sapranno, è appena sufficiente per farci un bagno (da studiare alla voce impermeabilità).

Il prezzo del Oris Retro Divers Sixty-Five, altra nota dolente per un “sub” 100 metri con un Sellita, che richiede un esborso di 1600 Euro.