Omega Speedmaster calibro 321

Omega Speedmaster calibro 321

Probabilmente sarò l’ultimo a scrivere un articolo sul nuovo Omega Speedmaster calibro 321, ma vedrò di farlo in modo completo, ad acque ferme.
Presentato all’ inizio del 2019, il nuovo calibro 321 torna in vita grazie a un sorprendente lavoro di ricostruzione.
A luglio 2019 esce il primo orologio a montare questo movimento, ma è uno Speedmaster in platino, non proprio alla portata di tutti.

Ritorno al passato

A gennaio 2020 esce finalmente il primo Omega Speedmaster calibro 321 in acciaio.
Ispirato al modello del 1965, famoso per essere al polso di Edward White (una referenza ST 105.003), questo nuovo modello si presenta con una cassa più piccola di quella a cui siamo abituati oggi.
Con i suoi 39,7 mm. di diametro, contro i 41,5 del modello attuale, è incorniciato da un inedita lunetta in ceramica nera (Zr02).
Il Layout del quadrante rimane ovviamente il medesimo, con i piccoli secondi al 9, i minuti crono al 3 e le ore crono al 6.
Tra i tanti particolari che ricordano i modelli del passato, il più evidente è il logo Omega applicato al 12.
Ma anche particolari come il puntino sopra al 90 non è stato scelto a caso, nonché il quadrante a scalino.

Il Cuore Pulsante

Il nuovo Omega Speedmaster calibro 321 però presenta un particolare un po’ in contrasto con le scelte estetiche legate al passato.
Infatti il calibro 321 è stato messo in bella mostra attraverso un vetro zaffiro sul fondello.
Io penso che i produttori abbiano pensato a lungo se mettere in mostra il nuovo calibro, o rimanere legati al passato.
Naturalmente ha vinto la seconda ipotesi.

Presentato per la prima volta nel 1957 su base Lemania (oggi di proprietà del Gruppo Swatch, come Omega), è stato il primo orologio ad andare sulla Luna.
Ricostruito in un laboratorio dedicato, è stato presentato giusto per il 50° anniversario dell’atterraggio sulla Luna.

Scheda Tecnica

Omega Speedmaster calibro 321
Referenza 311.30.40.30.01.001
Cassa in acciaio da 39,7 mm.
Vetro zaffiro antiriflesso
Bracciale in acciaio
Movimento meccanico a carica manuale Calibro Omega 321
Riserva di carica di 55 ore
Spirale Breguet
Smistamento della cronografìa con ruota a colonne
Finitura Sedna in oro 18 carati
Impermeabile fino a 50 metri.

È importante sottolineare che l’Omega Speedmaster calibro 321 in acciaio non è un edizione limitata.
Il prezzo è cresciuto sensibilmente rispetto al modello con il calibro Omega 1861.
Infatti bisognerà sborsare ben 13.400 Euro per portarsi a casa questo (bellissimo) orologio.