PATEK PHILIPPE 5370P RATRAPPANTE BLU

Il nuovo Patek Philippe 5370P Ratrappante Blu, di per se non è una novità assoluta.
Già conosciuto con il quadrante nero, oggi la Maison presenta una nuova versione contraddistinta da una cassa in platino ed un quadrante blu.
Ma visto che parliamo di Patek Philippe, il quadrante non è soltanto blu, ma realizzato in smalto con la tecnica del Grand Feu.
Gli indici sono anch’essi realizzati in platino lucidato con grafiche tipo Breguet.
Al 6 troviamo la scritta EMAIL, che sottolinea l’arte con cui è stato realizzato questo splendido quadrante.

Ratrappante

Se a qualcuno non bastano gli abbinamenti di cassa e quadrante, l’interno del Patek Philippe 5370P Ratrappante Blu non lasciano spazio a malcontento.
Ad animare questo straordinario orologio troviamo un calibro meccanico a carica manuale CHR 29-535 PS con ben due ruote a colonne a frizione orizzontale, che presenta diversi brevetti per l’ottimizzazione di usura e una limitata manutenzione.
Con 28.800 a/h, gode di una riserva di carica che va dalle 55 alle 65 ore a seconda dell’utilizzo che si fa delle funzioni cronografiche.
Gode inoltre del Punzone (o sigillo) Patek Philippe.

La Cassa

Come già accennato il Patek Philippe 5370P Ratrappante ha una cassa in platino con un moderno design dei fianchi rientranti e satinati.
Questo particolare, aiuta a snellire la cassa da 41 mm. di diametro.
Sul lato destro troviamo i pulsanti cronografici e la corona di carica che ospita il pulsante per la sfera sdoppiante.
Altro elemento che alleggerisce il disegno, è la lunetta concava lucidata.
I cabochon che ornano le anse, indicano barrette a vite per il fissaggio del cinturino.
Tra le anse ad ore  6, fa capolino un diamante top wesselton che contraddistingue i modelli in platino di Casa.

Conclusione

Sportivo, elegante, prezioso, complicato,… queste sono le basi per un orologio che non invecchierà mai, che continueremo a vederlo crescere alle aste e che farà sognare gli appassionati.
Perchè Patek è Patek e nessuno avrà mai da lamentarsi per i suoi 240 mila Euro.
Perchè Patek è Patek.

www.patek.com

Patek Philippe in vendita?

La Patek Philippe in vendita potrebbe essere realtà.

Le voci della vendita sono novità dell’ultimo salone dell’Alta Orologeria di Ginevra del 14 gennaio 2019.

In una nota del Berenberg (banca d’affari con sede ad Amburgo) che cita fonti ascoltate durante quest’ultimo, gira voce che Patek Philippe potrebbe cedere la proprietà.

La Maison è ben conosciuta dai collezionisti per la sua qualità.

Fondata nel 1845 dai soci Patek, di origine polacca e Philippe, di origine francese, viene rilevata dai fratelli Stern nel 1932 ed impegnati all’epoca a fornire quadranti alla stessa Patek Philippe.

Oggi l’azienda produce circa 60 mila orologi all’anno per un fatturato di circa (secondo le fonti Berenberg) di 1,3 bn di Euro.

La voce che Patek Philippe è in vendita cambierà il collezionismo?

Secondo sempre le fondi Berenberg, l’azienda ha un valore di mercato di circa 7-9 bn di Euro.
L’interesse all’acquisto viene da parte di un grande conglomerato del lusso che però non tratta marchi di orologi.

Rimaniamo in attesa di notizie più concrete e attendibili….

Patek Philippe 5550P Con Oscillomax

Il Patek Philippe 5550P Con Oscillomax, da inizio ad una rivoluzione riguardante i calibri di Casa.
Una rivoluzione che influenzerà la tecnica e che sarà prerogativa imprescindibile negli anni a venire.

Il primo passo lo vedremo sul Calendario Perpetuo che stiamo andando ad analizzare.
Verrà commercializzato in un edizione limitata di 300 esemplari con calibro 240Si D.

Il Silicio

Questo calibro presenta l’ innovativo scappamento con bilanciere “GyromaxSi” in silicio sviluppato in house.
Il bilanciere fa parte di una serie di componenti in silicio sviluppato interamente dalla Patek Philippe, che vanno a formare lo scappamento “Oscillomax”.
Inoltre, è stato annunciato che la spirale in silicio utilizzata nei calibri Patek dal 2008, diventerà uno standard per l’intera produzione, passaggio che avverrà comunque gradualmente.
La cassa in platino del 5550P è di 37,2 mm. di diametro per 8,8 di spessore.
Il movimento 240 Q Si è un ultrapiatto a ricarica automatica.

Sul quadrante a ore 6 si può notare la scritta “Advanced Reserch”, a sottolineare che l’orologio è stato sviluppato dal reparto di ricerca e sviluppo.
Questo reparto, creato 6 anni fa, è diretto da Jean-Pierre Musy proprio per lo studio di materiali e tecniche innovative.
L’obiettivo è quello di produrre orologi sempre più affidabili e precisi.
E questo Patek Philippe 5550P Con Oscillomax da il via all’evoluzione.

www.patek.com

Patek Philippe Triple Complication Ref. 5208P

Il nuovo Patek Philippe Triple Complication Ref. 5208P, sottolinea ancora una volta la sovranità della Maison negli orologi complicati.
In altre parole conta la ripetizione minuti, un cronografo monopulsante e un calendario perpetuo istantaneo dalle caratteristiche più avanzate.
Questo nuovo modello è il primo della Casa ad integrare nella tripla complicazione il cronografo, evento attesissimo dai collezionisti.

Complicato

Altra particolarità è soprattutto il fatto di essere automatico.
Una rarità per un pluricomplicato.
Altri dati sono il bilanciere Pulsomax® con spirale Spiromax®, e per la prima volta in Patek Philippe, un pluricomplicato con parti in silicio chiamato Silinvar®.
Il compito più arduo per gli ingegneri, è stato il posizionamento del modulo cronografico.
Essendo più sottile al mondo (2,4 mm.), inserirlo tra la base tempo e il calendario perpetuo, il compito che si è rilevato di estrema complessità.
Ma che alla fine, si è rivelato un altro capolavoro.
A lavoro concluso, la massima soddisfazione però è stata quella di vedere i 701 componenti  del 5208P funzionare in modo affidabile.

Specifiche

Patek Philippe Triple Complication Ref. 5208P
Cassa in platino 950
diamtero 42 mm.
spessore 15,7
brillante da 0,02 k al 6 tra le anse

Quadrante in oro 18 carati antracite
indici applicati

Calibro meccanico a carica automatica
funzioni di ripetizione minuti, cronografo monopulsante, calendario perpetuo istantaneo
32 mm. di diametro pr 10,35 di spessore
701 componenti
58 rubini
riserva di marcia di 48 ore
bilanciere Giromax®
21.600 a/h (3 Hz)
Spirale SPiromax®
Infine, lo Scappamento è Pulsomax

www.patek.com