Novità

Hublot King Power 4000 Alinghi

La Société Nautique di Ginevra, in occasione della prima uscita del Décision 35 Alinghi, ha presentato il nuovo Hublot King Power 4000 Alinghi creato dalla partnership tra Ernesto Bertarelli e Jean-Claude Bivier.

Uniti fin dalla Coppa America del 2009/2010, Hublot e Alinghi rinnovano la loro partnership per le due classi impegnate in mare: Alinghi Extreme 40 e Décision 35.

I due partner hanno approfittato della tappa svolta dal 4 sl 6 maggio sul Lago di Ginevra per presentare la linea dei nuovi Hublot.
Una serie limitata a 100 esemplari numerati, un orologio super tecnico con cassa in carbonio in grado di sopportare la pressione dell’acqua fino a 4 mila metri di profondità.
Le sue doti sono state sviluppate in circa 18 mesi di studi e ricerca.

Ernesto Bertarelli si dice soddisfatto di far salire a bordo la Hublot, un partner commerciale che unisce valori di qualità e know-how tutto Swiss Made.

Jean-Claude Bivier ha aggiunto che è un onore poter difendere i valori della tecnologia svizzera che unisce i due partner e che ogni orologio Hublot ha il privilegio di vedere.

La Maison è sempre stata vicina al mondo della vela e di aver stretto partnership con lo Yacht Club di Monaco, il Museo Oceanografico di Monaco, o il Real Club Nautico di Palma con la Copa del Rey.

Specifiche

Referenza: 731.QX.1140.NR.AGI12

Cassa in carbonio da 48 mm.
Lunetta in carbonio serrata con 6 viti in titanio PVD
Vetro zaffiro antiriflesso
Corona a ore 2 in titanio PVD e gomma
Fondello in titanio PVD con logo Alinghi

Impermeabilità: 4000 metri

Quadrante nero mat con superluminova
Movimento meccanico a carica automatica HUB1401
180 componenti
23 rubini
42 ore di riserva di marcia

Cinturino in caucciù e Normex
Fibbia ad ardiglione in ceramica nera

L’Hublot King Power 4000 Alinghi è una limitata di 100 esemplari

www.hublot.com

Corum Trophee Jules Verne

Corum presenta il nuovo modello Corum Trophee Jules Verne, dedicato alla celebre regata Trophée Jules Verne, a sua volta intitolata allo scrittore.
In qualità di Timekeeper e partner dell’impresa, Corum ha accompagnato l’equipaggio dello skipper Loick Peyron intorno al mondo.
Lo Skipper è stato impegnato a segnare un nuovo record nella circumnavigazione del globo.
Il cronografo è stato fermato a 45 giorni, 13 ore, 42 minuti e 53 secondi, durante i quali non vi è stata ne sosta, ne aiuto esterno.

L’orologio

La Maison ha dedicato ai 14 membri del Maxi trimarano Banque Populaire V, un orologio a testa, pertanto non sarà disponibile sul mercato.
Il nome dell’orologio naturalmente è “Trophée Jules Verne 2011-2012”.
Il modello di base è un Seafender, che fa parte della collezione Admiral’s Cup lanciata nel 1960 e dedicata all’omonima regata.

Si tratta di un orologio personalizzato con la scritta “Trophée Jules Verne 2011-2012” sul quadrante e sul fondello.
Il fondello riporta inoltre un mappamondo con la rotta tracciata, il porto di partenza e arrivo e i 3 capi doppiati: Capo di Buona Speranza, Capo Leeuwin e Capo Horn.

I membri dell’equipaggio sono stati invitati il 2 Aprile, presso la sede della Maison a La Chaux de Fonde in Svizzera, per ritirare i loro segnatempo.

L’orologio è un Corum Admiral’s Cup Seafender 48 cronografo con movimento meccanico a carica automatica.
La cassa è in acciaio da 48 mm. di diametro ed ha un impermeabilità di 300 metri.
Il Corum Trophee Jules Verne purtroppo non sarà disponibile al pubblico, ma si può sempre sperare di trovarlo di secondo polso!

www.corum-watches.com

Ulysse Nardin acquisisce il Cal Ebel 137

Ulysse Nardin acquisisce il Cal Ebel 137 e compie un altro passo in avanti verso l’indipendenza di produzione con l’acquisto dei diritti di proprietà.
Il movimento cronografico è originariamente sviluppato per Ebel, che nel 1995 l’ha utilizzato nel’ Ebel 1911 BTR della collezione da uomo.

La Ebel, nell’ultimo periodo, ha spostato l’attenzione sulle collezioni da donna.
Si è allontanata dalla produzione di orologi meccanici, tanto da spingere Patrik Hoffmann (CEO di Ulysse Nardin), ad acquisire i diritti per il Cal. 137.
Ebel non vuole più cronografi meccanici nelle sue collezioni” spiega Hoffman.
“Abbiamo acquisito tutte le ebauches, gli strumenti, i piani e perfino assunto cinque dipendenti da Ebel, che stavano lavorando per lo sviluppo del movimento”.

Ulysse Nardin 150

Una volta in Casa Ulysse Nardin, il movimento prenderà il nome di UN Calibro 150.
Sarà prodotto presso lo stabilimento di La Chaux-de-Fonds in Svizzera, dove svilupperanno tutti i componenti.
Ulysse Nardin ha anche un altro stabilimento a Le Locle dove sviluppano altri orologi.

Hoffman spiega anche il perché nel Calibro 137, ha trovato una famigliarità nello sviluppo tecnico: “quando abbiamo iniziato quasi 20 anni fa a sviluppare il calendario perpetuo Ludwig, non siamo stati in grado di sviluppare la platina.
Così abbiamo lavorato con Lemania, che stava lavorando con Ebel per il Cal. 137.
Così Ulysse Nardin, utilizzò la stessa base per il calendario perpetuo, che ancora oggi troviamo sul GMT Perpetual e che Ebel utilizza per il suo cronografo.

Il movimento che presto sarà rinominato, in futuro fornirà anche un’ottima base per l’aggiunta di ulteriori complicazioni.
La Maison intende lanciare un nuovo orologio con il Cal. 150 entro la fine del 2012.

www.ulysse-nardin.com
www.ebel.com

Eberhard in Barca Con Melges

Eberhard in Barca Con Melges dopo essere stata su auto d’epoca, campi da basket e pallanuoto. Oggi conquista la vela.
Quest’anno la Eberhard & Co. compie 125 anni.
Per l’occasione, ha deciso di affiancare il proprio nome a quello della Casa automobilistica tedesca Audi per affrontare (e appoggiare) la stagione 2012 della Classe Melges.
Partita lo scorso marzo da Maiami con la Bacardi Cup e conclusasi con un secondo posto di Riccardo Simoneschi, sul circuito italiano vedremo il logo della Maison campeggiare sulle vele delle 3 imbarcazioni sponsorizzate: Melges 20, Melges 24 e Melges 32.
Il calendario è ricco di appuntamenti che vedranno il circuito Audi Italia Series prendere il via da Torbole il 30 luglio per il campionato mondiale di Melges 24.
Il campionato proseguirà inoltre le sue tappe negli scenari di Loano, Napoli, Isola d’Elba e Sardegna.
Eberhard oltre ad essere in Barca Con Melges, vestirà inoltre i panni anche di Official Time Keeper.

www.eberhard-co-watches.ch

Rolex Deep Sea Challenger e James Cameron

La National Geographic, con il sottomarino Deepsea Challenger, ha portato il regista James Cameron e un Rolex Deep Sea Challenger, sul fondale della Fossa delle Marianne, arrivando a 10.898 metri.

“Guardando attraverso l’oscurità, c’è qualcosa che un robot non può descrivere” ha detto Cameron. “Ancor più importante, è spingersi al di là dei limiti imposti all’uomo, cosa possono vedere e cosa possono interpretare”.

Questo è stato il secondo viaggio nella Fossa delle Marianne dopo 50 anni.
Nel 1960, i due esploratori Jacques Picard e il Tenente Don Walsh, scesero ne batiscafo Trieste, infrangendo ogni record di profondità con 12.138 metri.

Durante l’immersione, uno speciale Rolex Deep Sea è stato assicurato all’esterno del batiscafo sopravvivendo insieme ai 2 esploratori.

James Cameron, 50 anni dopo, ha voluto ricalcare i passi andando in perlustrazione alla soglia dei 12 mila metri.
All’esterno del batiscafo, un Rolex Deep Sea Challenger animato da un “normale” calibro Rolex 3135, legato ad un estremità.
Questo orologio è stato appositamente creato per questa immersione.
Ha sopportato l’enorme pressione in discesa ed in risalita senza nessun problema.

www.rolex.com

James Cameron al termine dell’immersione

Richard Mille Partner de les voiles De Saint Barth

Sull’onda del successo delle scorse edizioni de “Les Voiles de Saint Barth“, Richard Mille sarà di nuovo il principale partner dell’edizione che si terrà ai Caraibi dal 2 al 7 aprile 2012.

Per la nuova edizione della prestigiosa regata, ci si aspetta più di 70 yacht tra i più belli del mondo per questa competizione.
Con un 30% in più di iscrizioni rispetto al 2011, il piccolo porto di Gustavia sarà davvero pieno!

Questo 2012 vedrà inoltre schierarsi sei classi in tutto, promettendo una gara sensazionale.
La partecipazione di notevoli imbarcazioni, vedrà una decina di queste sfidarsi nella spettacolare categoria dei Maxi Yacht, nonché un’agguerrita battaglia nelle categorie più competitive come la Classic, IRC 52 e vele bianche.
Tra i partecipanti troviamo il nuovo 112 piedi Nilaja, fino ai noti Sojana (Farr 115) o Highland Breeze (uno Swan 112).

Da diversi anni ormai, il mondo della nautica ha attratto Richard Mille.
Infatti la Maison ha dedicato a questo fantastico mondo modelli come il subacqueo RM 025 tourbillon Chronograph, RM 028 Automatic, l’ RM 028 Voiles de Saint Bath e l’ RM 032 Chronograph.

Il Marchio è orgoglioso di partecipare ad un evento nautico di questo calibro, che è diventato un luogo d’incontro per skipper di fama internazionale.

www.richardmille.com

H. MOSER & CIE: NUOVO CEO

Il Consiglio di Amministrazione di Moser Group AG ha annunciato la nomina del Dr. Christof Zuber come nuovo CEO di H. Moser & Cie, già attivo dal 6 Febbraio.
Zuber andrà a sostituire il Dr. Juren Lange, che farà un passo indietro dalle sue responsabilità operative.
In qualità comunque di membro del Consiglio di Amministrazione, Lange sarà di aiuto nello sviluppo del prodotto e in rappresentazione del Marchio.

Il Gruppo H. Moser con queste mosse, è pronto ad effettuare le necessarie evoluzioni come investire nelle capacità produttive e di continuare a far crescere il Marchio.
Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre dichiarato che con il supporto di Lange e l’esperienza di Zuber, il Gruppo sarà in grado di muoversi con successo in futuro.

La H. MOSER al momento è una holding che comprende 3 diverse divisioni:
– Moser Shaffausen AG, titolare del Marchio H. Moser & Cie, rilanciata nel 2005
– Precision Engineering AG, specializzata nella produzione di scappamenti e spirali
– MSG AG Manufacturing Support Group, che produce tutti gli altri componenti per le altre 2 consorelle.

www.h-moser.com

Venduta Chronoswiss

Venduta Chronoswiss al trentasettenne svizzero Oliver Ebstein e a sua moglie Eva Maria.
Così, la Maison con sede a Monaco di Baviera, è passata di mano.
I nuovi proprietari di Lucerna, nuovi nel campo dell’orologeria, dichiarano che l’azienda sarà a gestione privata e che non farà parte delle società d’ investimento della Meru AG.

“Venduta Chronoswiss, la promessa è che sarà mantenuta indipendente. E’ nostro grande piacere potersi presentare in questo campo e farsi coinvolgere a lungo termine prima e dirigere la società poi.
Vogliamo continuare la tradizione ed utilizzare componenti di qualità per gli orologi meccanici.
Pertanto ci auguriamo di collaborare con tutti i dipendenti e perseguire il successo Chronoswiss”, ha detto Oliver Ebstein.

L’ ex Amministratore  Delegato Pete Joseph Burgmayer è rimasto in all’interno della Maison, anche se Sigrun Shilling-Heinen, non sarà più in Azienda.
Inoltre sembra che Gerd-Rudiger Lange, continui a collaborare.
Lange ha dichiarato: “penso che il nuovo accordo sia molto buono e mi piacerebbe essere coinvolto in Chronoswiss fornendo consulenza basata sulla mia esperienza”.

www.chronoswiss.com

Omega Custodia in pelle per IPAD

Omega amplia la sua collezione di pelletteria con l’Omega Custodia in pelle per IPAD, dedicato ai possessori di Tablet.
Forse non tutti sanno che la Maison, nella sua boutique di New York, ha una linea di pelletteria come borse, valigette, portafogli…
La cover è naturalmente ben studiata ed ergonomics.
Ha la possibilità di usare la falda anteriore come supporto verticale.
Presenta un foro per l’obiettivo della macchina fotografica e una clip per chiuderlo.
I colori sono due: nero e marrone.
La fantasia di cui si veste, è naturalmente composta da tante piccole Omega.

Così, se per Natale volete far felice un amante del Marchio e vestire il suo Ipad, potrete recarvi nel concessionario di fiducia e ordinarle la Custodia in pelle per IPAD!
(non voglio sapere il prezzo!).

www.omegawatches.com

HYT H1 Movimento Meccanico Liquido

Pubblichiamo qui le prime immagini del HYT H1 Movimento Meccanico Liquido.
Si tratta di un orologio meccanico a carica manuale, con 65 ore di riserva di carica, ed un’affissione dell’orario indicata da un liquido.
Nato dalla mente dell’orologiaio Jean-Francois Mojon, questo orologio è stato studiato in collaborazione con la Techniks Helbling (Svizzera).
L’H1 sarà il primo orologio meccanico ad avere un sistema di indicazioni del tempo liquido.
I liquidi saranno due con densità diverse.
I liquidi scorreranno in un tubo, grazie alla spinta di due soffietti mossi meccanicamente.
Il colore diverso dei liquidi darà un indicazione visiva.

Queste novità, sono la linfa per la buona orologeria. Benvenuta HYT!

Il lancio del marchio HYT e dell’orologio H1, avverranno alla fiera di Basilea a gennaio 2012.