Tag Heuer Mikrogirder

Tag Heuer Mikrogirder

Con il Tag Heuer Mikrogirder, la Maison abbraccia 3 secoli di convenzioni intorno al controllo meccanico del gruppo bilanciere/spirale per creare un organo di completa regolazione meccanica.
Il leggendario marchio di orologi ha presentato il primo progetto per un cronografo a 5/10.000 di secondo, ovvero 1000 Hz o 7,2 milioni di alternanze/ora!

L’inizio

Nel 2010 Tag Heuer presenta il Grand Carrera Pendulum Concept, con il primo organo regolatore al mondo a cui è stata sostituita la spirale tradizionale da un campo magnetico.
In linea con il calibro 360 del 2005 che misurava il centesimo di secondo con una frequenza di 50 Hz, il Pendulum Concept a 6 Hz, ancora in fase di sviluppo, ha confermato Tag Heuer un impareggiabile pioniere nel campo dell’alta frequenza.

Secondo capitolo

Nel 2011 Heuer lancia il Mikrograph 1000, il primo cronografo al mondo con una frequenza di 500 Hz.
Dotato di un rivoluzionario sistema con 2 scappamenti, il Mikrograph ha una frequenza di 3,6 milioni di a/h, una velocità superiore di 125 volte di un tradizionale cronografo svizzero.
La sfera dei secondi compie 10 giri completi del quadrante in un secondo.
Commercializzato con successo, il Mikrograph è stato eletto Sport Watch of the Year al Grand Prix d’Horlogerie de Genève 2011.
Questa è la settima volta in 10 anni che Tag Heuer vince il premio della giuria per la sua abilità nel campo della progettazione.

Oggi

Nel 2012 il Tag Heuer Mikrogirder è il progresso più importante mai realizzato dagli ingegneri Tag Heuer.
Una tecnologia radicalmente nuova che permette di rivoluzionare l’intero cuore dell’orologio, ovvero l’organo regolatore.
Più del Pendolum o del Mikrotimer, il Mikrogirder rappresenta una rottura completa con il sistema tradizionale ad ancora sviluppato da Christiaan Huygens tre secoli fa, e rimane un riferimento per i costruttori di orologi meccanici.

Precisione

Nel mondo dell’orologeria, la precisione di un orologio è certificata dal COSC.
Tuttavia il certificato, non è esteso alla cronografia.
A garanzia della massima qualità in questo campo, Tag Heuer sta sviluppando un protocollo di riferimento che servirà presto come standard principale.
Per essere in grado di eseguire controlli in modo corretto, la Maison deve essere in grado di sviluppare orologi di precisione almeno 10 volte quella dei cronografi standard attualmente in produzione.
Per questo motivo il reparto Ricerca & Sviluppo di Tag Heuer, è stato capace di spingere ai limiti l’alta frequenza da 4 Hz fino ai 1000 in soli sette anni!

Frazioni

Con una precisione di 5/10.00 o di 1/2000 di secondo ancora mai studiati, l’organo regolatore del Mikrogirder è un concetto tutto nuovo.
Si tratta di un sistema composto da un accoppiatore/trave ed un eccitatore accoppiato ad un oscillatore lineare (e non una classica molla/spirale) che compie un angolo molto stretto, a differenza dei normali bilancieri che oscillano fino a 320°.
Questo sistema ha molti vantaggi.
Con un bilanciere tradizionale, la gravità dovuta alla massa, è un grave inconveniente.
Nel Mikrogirder questo problema non ci sarà più, e non vi sarà nessuna perdita di ampiezza e frequenza con conseguente perdita di potenza e di una riserva di carica maggiore.
Il risultato sarà un progresso significativo in termini di precisione (frazione del tempo) e di prestazioni (precisione e stabilità di frequenza).
L’efficenza energetica del Mikrogirder permetterà ai cronografi Tag Heuer di raggiungere frequenze ultra elevate, fino a poco fa inimmaginabili.
Per questo movimento sono già stati depositati ben 10 brevetti.

Velocissimo

7,2 milioni di alternanze/ora.
Un orologio a 4 Hz è capace di soli 28.800 a/h. Il Mikrogirder è 250 volte più veloce!

Con la sua doppia frequenza, è assicurata una precisione attraverso 2 canali indipendenti.
Tutte le interferenze tra la base tempo e la parte cronografica sono state eliminate, aumentandone la precisione.
Allo stesso modo, l’utente potrà decidere quando azionare il cronografo, così da non sollecitare la componentistica evitandone l’usura.
Le più piccole frazioni di tempo 1/100, 1/1000 e 1 /2000 (5/10.000), di secondo, sono visualizzate su quadranti separati, così da ottimizzare anche la lettura.
La sfera centrale gira all’ inimmaginabile velocità di 20 giri al secondo intorno al quadrante.

www.tagheuer.com