Harry Winston Historie de Tourbillon 3

L’Harry Winston Historie de Tourbillon 3 è il terzo atto di una collezione inaugurata nel 2009.
Con questo terzo capitolo della storia del tourbillon, Harry Winston unisce il design all’avanguardia, con la lettura dell’ora multi dimensionale.

Dimentichiamo quindi gli orologi dalla cassa tonda dei capitoli precedenti.
Il nuovo Opus, in edizione limitata a 20 esemplari, combina abilità tecniche ed estetiche audaci.
Ma questa volta lo fanno in una cassa rettangolare di generose dimensioni, con ben 65 mm. di larghezza per 45,9 di altezza, il tutto in oro bianco e Zalium, composta da 77 pezzi separati.
Ad indicare il tempo però, indicatori circolari come tradizione di Harry Winston.

Il Progetto

In questa cassa, si nota come Harry Winston abbia dato libertà ai progettisti.
Infatti, a favore dell’ indossabilità, hanno tagliato i caratteristici archi che normalmente ornano le casse, adattandoli a comode anse per in cinturino.

Lo Zalium, che costituisce il motivo del quadrante, è un materiale che Harry Winston ha già usato in passato.
In questo caso costituisce l’identità dell’orologio aprendosi su 3 quadranti separati, ma intimamente connessi e protetti da 3 diversi vetri zaffiro antiriflesso.

Ad ore 9 si apre il quadrante che lascia alla vista un tourbillon biassiale, con 2 gabbie separate in alluminio che consentono all’organo di ruotare multi dimensionalmente.
L’effetto visivo è sorprendente: la gabbia esterna fa un giro ogni 120 secondi, mentre quella interna, che porta lo scappamento, ogni 40 secondi su di un asse perpendicolare.
Alle ore 6, un tourbillon su un asse singolo, ruota in 36 secondi.
I due sistemi sono uniti da un sistema di compensazione, che regala una precisione ulteriore all’orologio.
Le tre gabbie sono state una bella sfida, in considerazione delle diverse masse, velocità e materiali. Un esercizio che richiede rare abilità.

La Lettura

Due dischi posti uno a fianco all’altro, segnano ore e minuti, offrendo una grande facilità di lettura.
Un terzo quadrante infine, segna la riserva di carica, che Harry Winston, da buon gioielliere, ha voluto ornare con 11 zaffiri e 6 rubini, che secondo il loro colore, oltre ad abbinarsi cromaticamente a ore e minuti, indicano la carica dell’orologio.