Storia della Ulysse Nardin

La storia di questa Maison, comincia la Le Locle, in Svizzera, nel 1846.
Fin dall’inizio, il ventireenne Ulysse Nardin è impegnato nella cronometria da marina, dedicando i suoi orologi alla navigazione.
A partire dal 1876, lo stesso anno in cui il fondatore scomparve, la manifattura cominciò a sottoporre regolarmente i suoi orologi, ai controlli del’ Osservatorio di Ginevra e a Nauchatel.

Nel 1848, Ulysse Nardin vince la medaglia d’oro all’ Esposizione Universale di Parigi, con lo stesso risultato anche a Chicago all’ Esposizione Universale del 1893.
Il 1890 vede Ulysse Nardin depositaria di 2 brevetti, tra i quali un sistema di  ricarica dell’orologio senza capovolgerlo, proponendolo 3 anni più tardi su di un modello a CASSA cilindrica in alluminio.

Nel 1904, dopo una sostanziale riorganizzazione aziendale, necessaria a far fronte alla crescente richiesta da parte delle Marine Militari, Ulysse Nardin si vide commissionare orologi anche dall’esercito Giapponese e russo.

Nel 1915, durante il concorso presso l’Osservatorio Navale di Washington, Ulysse Nardin vince la medaglia d’oro superando ben 60 concorrenti.
Nel 1922 ben 3 cronometri Ulysse Nardin, occupavano le prime tre posizioni presso l’Osservatorio Navale degli Stati Uniti, mentre tra i primi 14, otto erano Ulysse Nardin.
Lo stesso anno a Tokyo, un altro primo posto.
Nel 1923, un concorso dedicato al centenario della scomparsa di Abraham-Louis BreguetErnest Nardin vince il primo premio assoluto.
Stessi risultati nel 1939 durante le esposizioni di Barcellona, New York e Zurigo.

Come se non bastASSEro i premi, nel 1950 Ulysse Nardin infrange il record di precisione per il PERIODO che copriva dal 1901 fino al 1950 presso l’osservatorio di Nauchatel, battendosi nel 1957 con il CRONOMETRO da Marina n. 7537, con un record valido per il decennio tra il 1952 al 1962.

Il 1964 è segnato da un nuovo record segnato dal modello da tavolo “Sun Star” che gli valse il Grand Prix d’ Honneur all’ Esposizione Nazionale Svizzera di Losanna.

Poco tempo dopo, l’avvento dell’elettronica e la chiusura dei concorsi cronometrici per gli orologi meccanici, spinsero la Maison a chiudere la divisione di cronometria.

Nel PERIODO tra il 1846 e il 1975, Ulysse Nardin conta ben 4324 certificati di precisione, 2411 premi dei quali 1069 primi posti, 747 premi nella categoria orologi da tasca, da polso e da scrivania, per un totale di 1816 premi di Osservatorio, collocando la manifattura al primo posto per riconoscimenti e premi vinti.

Negli 1983 il marchio viene rilevato da un gruppo di investitori, dove a capo figurava lo scomparso Rolf W. Schnider.

Uno dei grandi passi di questa storia Casa, è la collaborazione col genio Ludwig Oechslin, il quale, oltre che amico, scienziato e inventore, porta straordinarie innovazioni, facilitando sia la PROGETTAZIONE che l’utilizzo degli orologi meccanici da polso.