Storia della Panerai

Una storia che è diventata leggenda.
Nel 1936 La Marina Italiana aveva la necessità di fornire agli incursori un orologio che fosse subacqueo ed anche molto ben leggibile in immersioni notturne.
Questa necessità fu comunicata alla Panerai che era un fornitore della Marina per attrezzature particolari e segrete.
La Panerai, progettò una CASSA per orologio che fosse resistente e subacquea, cosa che molto probabilmente fu influenzata dall’ impresa storica dell’ attraversata della manica da parte della nuotatrice Mercedes Gleitze.
Per la sua costruzione si rivolsero alla Rolex, visto che erano concessionari della casa da molti anni ed avevano ottimi rapporti commerciali.
Inizialmente furono sperimentate le cASSE che dettero risultati ottimi e per la leggibilità fu progettato un QUADRANTE oggi denominato sanwich che si rivelò validissimo per la durata della luminosità in immersione ma i primi non avevano una grafica sufficientemente chiara per la lettura in immersione anche perchè i respiratori dell’epoca erano alimentati ad ossigeno e davano, durante immersioni prolungate, problemi di offuscamento della vista.
Fu costruito allora un QUADRANTE con una grafica più chiara che fu quello definitivo.
Sicuramente per problemi di consegne sono stati consegnati ai Tedeschi anche orologi con il QUADRANTE attualmente denominato California, ma sempre senza nessuna marca, anche per non dare la possibilità di essere identificati da parte del nemico.
Da notare che il QUADRANTE Panerai era notevolmente più alto dei classici quadranti e pertanto richiedeva l’ASSE per il montaggio delle SFERE più lungo del normale.

Per chiarire la paternità dell’orologio esiste anche una lettera della Rolex con data 11-1-1990 in risposta ad una lettera del 29-12-1989 in cui si faceva richiesta di informazioni per gli orologi Militari che loro avevano prodotto.
La lettera dice che non hanno mai prodotto orologi militari, l’unica eccezione, sono i Radiomir Panerai PRODOTTI dal nostro concessionario di Firenze per la marina Militare Italiana.
Detto orologio era stato appositamente ideato per gli equipaggi dei famosi incursori subacquei ed era di PROGETTAZIONE e FABBRICAZIONE della ditta sopra citata.
Questa spiegazione spero che chiarisca tutte la paternità degli orologi PANERAI. (thanks to ferrettiwatches.it)

Il Logo OP rappresenta una stilizzazione delle lettere iniziali del nome Officine Panerai, ma non solo.
Sapete cosa vogliono dire quelle due frecce, una verso l’alto e una verso il basso?
E’ molto semplice e intuitivo. La Officine Panerai, dalle sue origini e fino ai giorni nostri, è sempre stata specializzata nella produzione di apparati subacquei e di apparati di ausilio all’atterraggio. I primi (orologi subacquei, bussole, profondimetri, sonde per sommergibili, congegni per mine subacquee, sistemi di navigazione e tanti altri) erano utilizzati sotto la superficie del mare.
I secondi (sistemi di appontaggio su navi con PONTE di volo, sistemi di atterraggio su elisuperfici e sistemi di atterraggio portatili) erano utilizzati in superficie, ma per qualcuno che arrivava dal cielo.
Ed ecco quindi spiegato il significato delle due frecce: quella che va verso il basso indica i prodotti subacquei, quella che va verso l’alto indica i prodotti per chi arriva dal cielo.

Il Logo OP, la cui origine risale agli inizi degli anni ‘80, fu studiato da uno Studio di Architettura di Firenze e, nei primi bozzetti, aveva una forma tondeggiante. Esso, così pensato, non piacque all’ Ing. Dino Zei (CEO dal 1972 al 1999) il quale, in collaborazione con il responsabile dell’Ufficio Tecnico della Panerai stessa, ideò la versione definitiva sopra descritta con l’inserimento delle due frecce stilizzate.

Il Logo OP fu poi ceduto alla Cartier, allora gruppo Vendome, nel 1997 in seguito alla cessione del ramo aziendale orologi-torce-bussole e profondimetri, insieme al marchio Officine Panerai, ai brevetti, ai disegni e a tutto il magazzino orologi.
Dal 1997 la Officine Panerai di Firenze assunse da allora il nome di Panerai Sistemi Spa.
Nel 1999 la Panerai Sistemi Spa fu ceduta alla Calzoni di Bologna che ne assorbì tutte le attività industriali e produttive.
Attualmente (2004) Panerai Sistemi è un marchio di Calzoni Srl, tuttora utilizzato per tutti i prodotti ex Panerai.
La Cartier, oggi gruppo Richemont, ha riutilizzato per la prima volta il Logo OP nell’edizione speciale per gli appassionati Panerai del modello Luminor Marina 44mm (PAM 195), sul QUADRANTE e sul FONDELLO, presentata a fine 2003 e, successivamente, sulle corone di carica dei nuovi modelli Radiomir 45mm 8 Days (PAM 190 e 197) e Black Seal (PAM 183), oltre a un’altra serie limitata dei modelli Luminor 44mm (PAM 000) e L. Marina 44mm (PAM 005), tutti presentati nel corso del 2004.

A cura dell’Ing. Mario Paci
www.clubpanerai.com