Movimento Base

Proseguiamo con un’immagine di un esploso di un “semplice” MOVIMENTO solo tempo (ore, minuti, secondi) a CARICA MANUALE, nella quale è possibile capire come funziona e come è composto un CALIBRO con funzioni base.

Legenda:

PONTE dell’ANCORA: è il PONTE dove l’ANCORA trova sede, incastrata tra quest’ultimo e la PLATINA (in due rubini sintetici) dentro la quale svolge la sua piccola rotazione, ingaggiando la RUOTA DI SCAPPAMENTO.
Questi due pezzi sono i responsabili del ticchettio del Vostro orologio.
ANCORA: prende il nome dalle ancore delle barche a causa della sua forma rassomigliante.
La sua funzione è quella di impedire che la molla di carica liberi la sua energia tutta in una volta, dando il ritmo (grazie al BILANCIERE) alla RUOTA DI SCAPPAMENTO.
Copri PITONE: non è altro che il coperchio che ferma il PITONE al portaPITONE.
Porta PITONE: vedi PITONE
RACCHETTA: elemento di REGOLAZIONE che influisce sulla distanza tra una spira e l’altra della SPIRALE, aumentando o diminuendo la velocità d’OSCILLAZIONE del BILANCIERE, anticipando o ritardando la MARCIA dell’orologio.
COQ: è il PONTE che chiude tra se e la PLATINA il BILANCIERE, sede anche del portaPITONE e della RACCHETTA, nonché del sistema antiurto.
SPIRALE: elemento tra i più importanti e delicati del MOVIMENTO, è la molla che fa oscillare il BILANCIERE dando il “ritmo”. Questa è la responsabile delle alternaze (massima rotazione del BILANCIERE nei due sensi = 1 OSCILLAZIONE o 2 alternanze) che nel caso dei movimenti a 28.800 alternaze/ora, il secondo sarà diviso in 4 (0,25 secondi)
BILANCIERE: imperniato sul MOVIMENTO, funziona da VOLANO, ruotando nei due sensi per mezzo della forza elastica della SPIRALE.
PITONE: elemento di congiunzione tra BILANCIERE e SPIRALE.
PONTE dello SCAPPAMENTO: racchiude tra se e la PLATINA la RUOTA DI SCAPPAMENTO.
RUOTA DI SCAPPAMENTO: è la prima ruota, colei che trasmette il moto del BILANCIERE, al TRENO del tempo, avanzando di uno spazio tra 2 denti (passo) ogni 0,25 secondi (1 OSCILLAZIONE).
PONTE dei secondi: è il PONTE che racchiude tra se e la PLATINA la RUOTA DEI SECONDI.
RUOTA DEI SECONDI: ovvero la ruota che effettivamente compie un giro in un minuto.
Ruota di centro: è la ruota che compie un giro in 60 minuti, da qui si deduce che la lancetta dei minuti, ha un rapporto diretto con essa.
RUOTA MEDIAna: ultima ruota del TRENO, ha un rapporto diretto con la RUOTA DEI MINUTI, e di conseguenza rapportata in modo che compia un giro in 12 ore, segnando le ore.
PONTE del BARILETTO: racchiude tra se e la PLATINA, la molla di carica e il suo MECCANISMO.
Rocchetto: è la ruota dentata che serve al cricco a non far srotolare la molla durante la ricarica, incastrandosi sui denti posti sulla sua circonferenza.
TAMBURO del BARILETTO: oltre a far da “coperchio” alla molla di carica, funge anche (e soprattutto) da ruota conduttrice dell’energia necessaria a far girare tutto il TRENO del tempo.
Molla di carica: si trova arrotolata all’interno del TAMBURO, e collegata in modo diretto a quest’ultimo.
ASSE del BARILETTO: attorno ad esso, è arrotolata la molla di carica, che trasmette l’energia elastica della molla al TRENO del tempo.
Coperchio del BARILETTO: è il coperchio inferiore del BARILETTO, che insieme al TAMBURO, molla e ASSE, completano il BARILETTO stesso.
Cricco: molla che si incastra sulla dentatura del rocchetto, impedendo di srotolarsi durante la ricarica.
PLATINA: struttura portante del MOVIMENTO, dove si imperniano tutte le ruote, si incastrano i rubini e si avvitano i ponti, normalmente ricavato dal pieno.
Vite del fissaggio del QUADRANTE: infatti il QUADRANTE, si trova normalmente fissato alla PLATINA, incastrato o anche avvitato (come nel nostro caso).