Derek Pratt

Come gran parte degli orologiai, Pratt comincia con il restauro di orologi antichi e complicati da tasca.
Nato a Orpington in Inghilterra nel 1938, frequenta la National College of Horology a Londra tra il 55 e il 59 per trasferirsi poi in Svizzera nel 65, dove serve come apprendista presso Smith & Sons.
Pratt apre la sua attività nel 1972, a seguito di un incontro con Peter Baumberger, titolare della Urban Jurgensen & Sonner.
Da qui le sue prime commissioni per questo marchio.
Come orologiaio, non si limitava a progettare e realizzare movimenti, ma spesso realizzava anche le corone, le cASSE e i quadranti.
Col passare del tempo i loro rapporti si evolvono, fino ad arrivare nel 1981, alla messa a punto di un TOURBILLON con SCAPPAMENTO a leva.
Nel 2008, a questo orologio viene integrato il gruppo a remontoir nel TOURBILLON, diventando un pezzo unico nel suo genere, in considerazione del doppio BARILETTO, i secondi morti ella riserva di carica.
Verrà venduto all’asta di Christie’s per 315 mila Franchi Svizzeri.
Questo TOURBILLON che Pratt costruì per Urban, fu il primo TOURBILLON a remontoir.
Da allora Pratt fu riconosciuto come il maestro leader per questa complicazione.

Nel 1992 riceve la Medaglia d’argento del’ Horological British Institute.

Nel 1997, per festeggiare i 250 anni del Maestro Abraham-Louis Breguet, l’orologiaio inglese viene ispirato da un invenzione propria del Maestro, che lo porta a sviluppare uno SCAPPAMENTO “naturale”, ovvero uno SCAPPAMENTO che non richiede LUBRIFICAZIONE.
Breguet non riuscì mai a mettere a frutto questa invenzione per una serie di problemi mai risolti, limitandone l’utilizzo solo su cronometri con SCAPPAMENTO a leva e di TOURBILLON.
Pratt, affascinato dal concetto, decide di prendere in mano la cosa e risolvere i problemi che affliggevano il Maestro.
Dopo un intensa fase di sviluppo, Pratt raggiunge il suo obiettivo.
Puntuale per il 250° compleanno di Breguet, debutta con un TOURBILLON da tasca con doppio SCAPPAMENTO a remontoir che eroga impulsi in 2 direzione e non richiede LUBRIFICAZIONE.

Pratt si dedica anche a testi di orologeria, questioni cronometriche e traduce anche testi di orologeria.

Nel 1999 riceve l’ambito premio Gaia, in riconoscimento ai risultati ottenuti in materia di artigianato e creazione.

Derek Pratt si dedica ad un MOVIMENTO predisposto per accettare nuove ulteriori complicazioni in un secondo momento e senza alterare le proprie dimensioni.

Con 13 linee e 1/2 per 5,5 mm di spessore, questo CALIBRO servirà da base per un CRONOGRAFO ed un CALENDARIO ANNUALE.
Debutterà nella primavera del 2003.

Durante la collaborazione durata più di 10 anni con l’amico e proprietario della Urban Juergensen, Peter Baumberger, diviene titolare della Medaglia Tompion 2005, forse il più alto riconoscimento possibile per lo straordinario contributo in materia di orologeria.

Muore dopo una lunga mALAttia nell’ottobre 2009, lasciando nel mondo dell’orologeria, un vuoto incolmabile.